Emergenza COVID-19: perché scegliere i servizi intermodali Arcese

Una scelta strategica per garantire la continuità della supply chain e il trasporto merci durante l’emergenza Coronavirus

L’emergenza Covid-19 sta avendo pesanti ripercussioni sulle filiere logistiche italiane ed europee con restrizioni che non limitano direttamente il trasporto ma creano difficoltà operative con effetti sulla logistica e sull’economia.

In questo contesto si inserisce la strategia produttiva di Arcese: adattiva, resiliente e in grado di rispondere in maniera efficiente alla dinamicità e volatilità dei volumi che attualmente si registrano a livello internazionale. Al fine di supportare al meglio i nostri clienti e rispondere alla fluttuazione dei volumi, ogni giorno i team operativi Arcese allocano al meglio le risorse e i mezzi puntando sempre di più sul trasporto intermodale. Permettendo lo spostamento delle sole merci e coinvolgendo un numero inferiore di persone rispetto al tutto strada, per le tratte di media-lunga percorrenza, questo servizio si dimostra essere la soluzione di trasporto migliore per garantire l’efficienza della logistica dei beni industriali e di prima necessità in tutta sicurezza.

Basandosi su un network intermodale integrato e internazionale, la nostra offerta di servizi continua ad essere operativa in tutta Europa, garantendo il flusso quotidiano delle merci e trasportando ciò di cui le persone hanno urgente bisogno: infatti, i nostri semirimorchi viaggiano attraversando l’Europa in modo affidabile, con minori restrizioni e nel pieno rispetto delle normative vigenti richieste dai singoli Paesi in ottica di contenimento del contagio.

Ecco quindi perché questa tipologia di trasporto è oggi scelta da sempre più clienti, e i numeri registrati ne sono la conferma: nel mese di marzo sono state trasportate 42.000 tonnellate di merci su ferrovia, confermando rispetto al mese di febbraio un aumento delle unità intermodali del 20%, pari a oltre 1000 viaggi. In particolare, ad aumentare in termini di volumi il settore FMCG e quindi beni alimentari e di cura della persona, oltre a forniture varie. A supportare i volumi in crescita anche i clienti del settore eCommerce, influenzato dalla chiusura di molte attività e in particolare dai limiti alla circolazione.

Il network multimodale Arcese oggi conta collegamenti in tutta Europa: dalla Spagna alla Romania, dalla Turchia alla Scandinavia con oltre 50 partenze giornaliere. Il trasporto intermodale e ferroviario è inoltre un pilastro della strategia di business Arcese per rispondere ai principi di sostenibilità e sicurezza che da sempre guidano le scelte del Gruppo.

Torna al Blog