Arcese ha inaugurato il nuovo collegamento intermodale in Italia per semirimorchi gran volume P400

Continua l’espansione del network intermodale del Gruppo con la nuova la linea adriatica Torino – Pescara – Foggia operativa da inizio febbraio

Il collegamento organizzato da Arcese ed operato da Mercitalia Rail ha una frequenza trisettimanale, con un transit time inferiore alle 20 ore e permette di movimentare fino a 10.000 semirimorchi gran volume all’anno.

Il nuovo servizio integra il network multimodale dell’asse adriatica e si aggiunge a quelli già esistenti di Novara-Pescara, Verona-Bari e Venezia-Bari. Il network Arcese oggi conta collegamenti in tutta Europa: dalla Spagna alla Romania, dalla Turchia alla Scandinavia con oltre 50 partenze giornaliere.

Il trasporto intermodale è un pilastro della strategia di business Arcese per rispondere ai principi di sostenibilità e sicurezza che da sempre guidano le scelte del Gruppo, ma non solo. Ad oggi, il 40% dei trasporti a carico completo sono effettuati su rotaia o attraverso le autostrade del mare: l’obiettivo è espandere ulteriormente il proprio reticolo come risposta alle evoluzioni dello scenario internazionale del trasporto. Sono infatti attesi ulteriori vincoli alla capacità produttiva stradale e derivanti da molteplici fattori quali, solo per citarne alcuni: il pacchetto di mobilità della Comunità Europea, le regolamentazioni legate al social dumping e i divieti settoriali.

La nuova tratta adriatica contribuisce al cambio modale in Italia – dal tutto strada al ferro/mare – oltre che di collegare i servizi intermodali europei con i servizi domestici, andando così a ridurre i chilometri stradali di primo e ultimo miglio percorsi e, direttamente il numero di mezzi pesanti circolanti e le emissioni in atmosfera consentendo ad esempio un risparmio di oltre 1 milione di kg di CO2.

Torna al Blog