Arcese affronta l’emergenza Rastatt

Come ampiamente riportato dalla stampa generale e di settore, il mondo dei trasporti, e non solo, sta affrontando un’importante emergenza legata all’interruzione della linea ferroviaria a Rastatt nella valle del Reno, dopo l’abbassamento dei binari nelle due direzioni a seguito di un incidente costruttivo. A distanza di quasi 3 settimane la linea non è ancora stata ripristinata, creando importanti conseguenze in tutto il settore a causa di un prolungato stop e disservizio al traffico merci sull’asse nord-sud.

L’emergenza ha mobilitato anche le associazioni di categoria in collaborazione con i principali operatori del settore, incluso il Gruppo Arcese, in prima linea al fine di sensibilizzare le istituzioni affinché si intervenga immediatamente per ridurre al minimo gli effetti che questo blocco sta provocando sui traffici commerciali tra l’Italia e il resto d’Europa. La riapertura è attualmente prevista per il 7 ottobre.

Arcese ha intrapreso azioni immediate per fronteggiare l’emergenza e garantire l’operatività dei propri servizi. Le soluzioni implementate consistono nell’incremento di capacità su rotte intermodali alternative già attive (ad esempio attraverso il Brennero), l’attivazione di nuove rotte intermodali (come Novara-Basilea) nonché di soluzioni di back up stradali e il posizionamento di mezzi in aeree strategiche a supporto delle rotte intermodali alternative.

Le iniziative messe in campo sono ancora in fase di perfezionamento ma si continua a lavorare attivamente per poterle consolidare dal punto di vista operativo. In previsione dell’aumento dei volumi nel corso delle prossime settimane sono allo studio ulteriori azioni per mitigare l’impatto dell’interruzione.

Ci siamo già adoperati per ampliare le nostre capacità di trasporto su rotte alternative a quella della valle del Reno” afferma Marco Manfredini – Chief Operating Officer del Gruppo Arcese – e prosegue: “Grazie alla flessibilità garantita dalla nostra flotta e ad un network intermodale consolidato, siamo in grado di offrire valide soluzioni anche in situazioni di estrema emergenza come quella che ci troviamo ad affrontare. Le iniziative messe in campo stanno consentendo di evadere le richieste dei clienti, pur se con delle variazioni nei tempi di resa. Nonostante la situazione al momento sia critica, Arcese continuerà a impegnarsi con tutte le proprie energie e competenze per supportare le aziende che necessitano di movimentare merci sul principale corridoio Nord-Sud europeo a raggiungere i propri obiettivi di business”.

Torna al Blog